Daghe Carabinieri

Domande sul restauro dei coltelli e la ricostruzione delle parti mancanti

Daghe Carabinieri

Messaggiodi Diesys il 17 Gen 2022 12:08

Buongiorno a tutti,

ho ritrovato in cantina di mio padre due daghe da carabiniere identiche di cui vi allego la foto di una delle due.

Immagine

Avrei intenzione di dargli una sistemata e vorrei cortesemente chiedervi qualche consiglio.
Perdonatemi se faccio mille domande, ma è la prima volta che mi accingo a fare un "restauro"...

Grazie in anticipo a tutti coloro che avranno la pazienza di leggere e rispondere.

Per le daghe:
La prima cosa che vorrei fare è immergere le daghe in acqua e acido citrico per rimuovere più ossidazione possibile.
Domanda: è corretto? non ho mai provato l'acido citrico sull'ottone. Pensate possa rovinare il manico?

Come secondo passaggio mi piacerebbe lucidare a specchio le lame. Considerando la fatica che normalmente faccio su lame di coltello ben più corte di questa non so se riuscirò a farlo su due daghe da 70 cm. In caso mi dovrei "accontentare" di una satinatura. Che ne pensate?

Terzo, lucidatura del manico in ottone con ruota a stracci e paste abrasive. Va bene? Altri suggerimenti?

Per i foderi:
L'interno dei foderi è sporco e completamente pieno di ossido. Cercherò di pulirlo al meglio con uno scovolino, altro non mi viene in mente. Vorrei però fare un buon lavoro ed evitare che qualche pezzetto di ossido possa rigare le daghe una volta lucidate e inserite all'interno dei foderi. Suggerimenti?

L'esterno della parte in cuoio lo vorrei ripulire dallo sporco e dalla muffa e lucidare. Pensavo al lucido da scarpe anche per ridargli un po' di morbidezza. E' una caxxata? Anche qui qualche suggerimento?
Le parti in ottone esterne invece le vorrei lucidare sempre con ruota a stracci e paste abrasive.

Infine, qualcuno di voi ha idea a quando possano risalire? Dalle mie ricerche potrebbero essere dei primi del 900.

Grazie, un abbraccio.
Diesys
Attività
Attività
 
Messaggi: 29
Iscritto: 01 Mag 2019 17:16
Località: Roma

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi rol51 il 17 Gen 2022 23:30

Io comunque le chiamerei sciabole non daghe
rol51
Attività
Attività
 
Messaggi: 354
Iscritto: 15 Ott 2017 20:24
Località: Alghero ss

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi Diesys il 18 Gen 2022 09:29

rol51 ha scritto:Io comunque le chiamerei sciabole non daghe


Ciao,
cercando su internet ho visto che alcuni le chiamano daghe altri sciabole. Tendenzialmente sono d'accordo con te, ma non sono un esperto.

Oltre a questa precisazione hai altro da suggerirmi?

Grazie per il tuo contributo.
Diesys
Attività
Attività
 
Messaggi: 29
Iscritto: 01 Mag 2019 17:16
Località: Roma

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi mornando il 19 Gen 2022 19:56

Nei carabinieri il nome corretto è proprio Daga (la sciabola è di altra fattura, più lunga, con fodero in metallo, elsa avvolgente). Le daghe non avevano la lama lucidata a specchio.
Ti manca la dragona, che dev'essere di colore azzurro. :hello:
Antonio
mornando
Attività
Attività
 
Messaggi: 87
Iscritto: 20 Gen 2014 15:14
Località: Bagnasco (CN)

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi Diesys il 20 Gen 2022 09:02

mornando ha scritto:Nei carabinieri il nome corretto è proprio Daga (la sciabola è di altra fattura, più lunga, con fodero in metallo, elsa avvolgente). Le daghe non avevano la lama lucidata a specchio.
Ti manca la dragona, che dev'essere di colore azzurro. :hello:


Ciao,

grazie per le preziose informazioni.

Un saluto.
Diesys
Attività
Attività
 
Messaggi: 29
Iscritto: 01 Mag 2019 17:16
Località: Roma

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi gianfederico il 20 Gen 2022 10:36

Sono pezzi di pregio non elevato (quando l'arma li dismise, negli anni 60/70, li vendeva ai militi interessati a 500 lire l'una) ma comunque sempre interessanti ed anche richiesti. Per questo eviterei, se se ne vuole preservare il valore, un restauro così invasivo come quello proposto.
A mia opinione, per quel che vale, mi limiterei ad un bagno in acido ossalico per la sola lama ed ad una successiva pulitura con paglietta d'acciaio super fine, mentre pulirei l'impugnatura con paglietta e petrolio. Se si vuole poi fare un restauro in patina eviterei anche l'uso dell'acido limitandomi al petrolio o all'olio da armi.
Per il fodero escluderei assolutamente la tinta da scarpe utilizzando invece prima la Leocrema (o simili) e quando avesse ripreso la morbidezza del buonissimo grasso naturale per cuoio,
Comincerei comunque, per l'arma, dal sistema meno invasivo (olio e paglietta) per passare poi in caso di bisogno all'acido ossalico.
A proposito, non sono fatti miei, ma è da valutare che si tratta di armi per cui sarebbe prudente metterle in regola.
gianfederico
Attività
Attività
 
Messaggi: 208
Iscritto: 12 Ago 2009 14:21

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi Diesys il 20 Gen 2022 11:16

gianfederico ha scritto:Sono pezzi di pregio non elevato (quando l'arma li dismise, negli anni 60/70, li vendeva ai militi interessati a 500 lire l'una) ma comunque sempre interessanti ed anche richiesti. Per questo eviterei, se se ne vuole preservare il valore, un restauro così invasivo come quello proposto.
A mia opinione, per quel che vale, mi limiterei ad un bagno in acido ossalico per la sola lama ed ad una successiva pulitura con paglietta d'acciaio super fine, mentre pulirei l'impugnatura con paglietta e petrolio. Se si vuole poi fare un restauro in patina eviterei anche l'uso dell'acido limitandomi al petrolio o all'olio da armi.
Per il fodero escluderei assolutamente la tinta da scarpe utilizzando invece prima la Leocrema (o simili) e quando avesse ripreso la morbidezza del buonissimo grasso naturale per cuoio,
Comincerei comunque, per l'arma, dal sistema meno invasivo (olio e paglietta) per passare poi in caso di bisogno all'acido ossalico.
A proposito, non sono fatti miei, ma è da valutare che si tratta di armi per cui sarebbe prudente metterle in regola.


Ciao,

ti ringrazio tantissimo per i suggerimenti che seguirò alla lettera e posterò le foto del risultato ottenuto.

Un saluto.
Diesys
Attività
Attività
 
Messaggi: 29
Iscritto: 01 Mag 2019 17:16
Località: Roma

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi Diesys il 20 Gen 2022 11:22

gianfederico ha scritto:A proposito, non sono fatti miei, ma è da valutare che si tratta di armi per cui sarebbe prudente metterle in regola.


Dimenticavo...
Relativamente a questo sapevo che le spade senza filo sono di libera vendita e detenzione se si ha la maggiore età. E' un'informazione errata? Sapete dirmi di più?

Grazie.
Diesys
Attività
Attività
 
Messaggi: 29
Iscritto: 01 Mag 2019 17:16
Località: Roma

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi Shirojiro il 26 Gen 2022 09:02

Senza filo ? Ma sono pezzi di ferro ! E' un'eresia togliere il filo ad un'arma !
Avatar utente
Shirojiro
Attività
Attività
 
Messaggi: 12107
Iscritto: 16 Giu 2009 10:09
Località: Baricella (Bo)

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi Diesys il 26 Gen 2022 09:19

Io le ho trovate così e a dirla tutta ho l'impressione che siano sempre state così.
Dalle informazioni che sono riuscito a reperire sembrerebbe che alcune hanno il filo altre no. Intorno al 1950 facevano parte dell'uniforme che i carabinieri dovevano indossare in libera uscita (non potevano vestirsi in "borghese") e magari hanno ritenuto che il filo non fosse più necessario. Forse dipende quindi dal periodo di produzione?
Del resto ho anche una sciabola da alta uniforme originale e anche quella è senza filo...

Se qualcuno ne sa di più ci illumini! icon_biggrin
Diesys
Attività
Attività
 
Messaggi: 29
Iscritto: 01 Mag 2019 17:16
Località: Roma

Re: Daghe Carabinieri

Messaggiodi Shirojiro il 01 Feb 2022 04:21

OK, non sono molto informato sull'argomento, però ne approfitto per dirvi che in ambito giapponese se vi propongono lame senza filo sappiate che al 99,99 per cento sono copie o falsi.
Si trovano anche in armeria e spesso vengono vendute come katana da ufficiale giapponese.
Non voglio fare il tecnico perchè non lo sono, ma se vi serve una mano per capire se una lama è buona o meno posso tentare di darvi una mano.
In caso di foto queste vogliono molto nitide, abbastanza ravvicinate, sui due lati e soprattutto all'interno del manico (che si smonta togliendo un perno in bambù.
Avatar utente
Shirojiro
Attività
Attività
 
Messaggi: 12107
Iscritto: 16 Giu 2009 10:09
Località: Baricella (Bo)


Torna a Restauro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessun iscritto e 1 ospite