Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Domande sul restauro dei coltelli e la ricostruzione delle parti mancanti

Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi pastrana il 18 Gen 2013 18:58

Ciao ragazzi, vi chiedo gentilmente consiglio riguardo a un lavoretto che vorrei fare su un coltello. Innanzitutto chiedo perdono perchè da quando mi sono registrato non mi son fatto più vivo e non ho risposto a un paio di messaggi. meaculpa !! Per una cosa e un'altra non ho interagito più :aa: ,ma non smetto mai di seguirvi!! Vado al dunque: ieri sera progettavo la costruzione del mio primo coltello chiudibile e mentre cercavo di disegnare una dima della lama mi è venuto in mente che buttato nel cassetto del banco da lavoro c'era un coltello vecchio di mio padre dal quale avrei potuto trarre ispirazione. Tale coltello stava lì dentro da almeno 15 anni e non vi avevo dato alcuna importanza perchè sapevo che il mio vecchio l aveva mezzo distrutto. Prendendolo in mano e riflettendoci su mi sono accorto che era veramente ben fatto, e vedendo il nome presente sulla lama ho fatto qualche ricerca su internet e sono venuto a conoscenza che il costruttore, Vittorio Mura di Santullussurgiu, è stato uno dei più abili coltellinai sardi. Mi piacerebbe , visto che mio padre l ha frantumata eusa_pray , ricreare una lama e portare il coltello a essere riutilizzabile (anche se chiaramente non sara mai come prima)!! Mi pongo il problema di come poter lucidare il corno del manico, visto che è stato in quel cassetto lercio per tanti anni. Secondo voi con una semplice passata alla lucidatrice a spazzole con paste lucidanti (rossetto ecc) sarebbe sufficiente o potrebbe rovinare il corno?? O altrimenti come si potrebbe fare?? Grazie per l'attenzione. Vi posto qualche foto, buon anno a tutti :hello:
Allegati
a1.gif
a1.gif (154.64 KB) Osservato 10619 volte
a1.gif
a1.gif (249.43 KB) Osservato 10632 volte
a.gif
a.gif (208.91 KB) Osservato 10623 volte
pastrana
Attività
Attività
 
Messaggi: 44
Iscritto: 07 Mar 2011 17:27
Località: Scanno (AQ)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi pastrana il 18 Gen 2013 20:37

..
Allegati
a.gif
a.gif (225.9 KB) Osservato 10619 volte
a.gif
a.gif (238.83 KB) Osservato 10621 volte
s.gif
s.gif (228.71 KB) Osservato 10607 volte
pastrana
Attività
Attività
 
Messaggi: 44
Iscritto: 07 Mar 2011 17:27
Località: Scanno (AQ)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi Gian Claudio Pagani il 18 Gen 2013 21:50

prima di pensare ( e di perder tempo) al restauro del manico mi preoccuperei di vedere se riesci a rifare una lama adeguata ....
(devi limare una delle due teste del perno e con un cacciaspine estrarlo, poi, usando la lama vecchia come dima rifare la lama e ricreare la giusta dimensione)
poi dare i una cartata leggera (600 - 800) a manico e archetto e successiva spazzonatura con cotone e pasta da corno (poco aggressiva)
per il collarino in ottone, sempre dischi di cotone proteggendo il corno adiacente con carta adesiva da carrozzaio
buon lavoro !

GCP
Le cose migliori si ottengono solo con il massimo della passione - J.W. Goethe

http://www.cerknives.it
Avatar utente
Gian Claudio Pagani
Attività
Attività
 
Messaggi: 7321
Iscritto: 04 Ago 2009 20:54
Località: S.Lazzaro di Savena (BO)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi mangiafuoco il 19 Gen 2013 07:57

Gian Claudio Pagani ha scritto:prima di pensare ( e di perder tempo) al restauro del manico mi preoccuperei di vedere se riesci a rifare una lama adeguata ....
(devi limare una delle due teste del perno e con un cacciaspine estrarlo, poi, usando la lama vecchia come dima rifare la lama e ricreare la giusta dimensione)
poi dare i una cartata leggera (600 - 800) a manico e archetto e successiva spazzonatura con cotone e pasta da corno (poco aggressiva)
per il collarino in ottone, sempre dischi di cotone proteggendo il corno adiacente con carta adesiva da carrozzaio
buon lavoro !

GCP


Quoto in toto :ok: ,anche se ,rifacendo la lama,si andrebbe a perdere "l'originalita'" della stessa,ovvero,la punzonatura dell'artigiano costruttore.Certo e' che una lama in simili condizioni e' quasi inservibile e nell'ipotesi di provare a rifilarla risulterebbe troppo corta e bassa :hello:
La felicita' e' esercitare il proprio ingegno. (Aristotele)
Avatar utente
mangiafuoco
Attività
Attività
 
Messaggi: 5849
Iscritto: 30 Gen 2011 15:55
Località: Capannori(Lucca)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi davicom il 19 Gen 2013 09:50

Dubito che riuscirai a levare il perno lama senza rovinare irreparabilmente l'anello, il perno è ribattuto per bene nelle pattadesi, e anche se ci dovessi riuscire
dovresti poi copiare la vecchia lama al millesimo, perche ogni lama viene sempre accoppiata al proprio archetto.
Buon lavoro :ok:
Avatar utente
davicom
Attività
Attività
 
Messaggi: 94
Iscritto: 04 Ago 2010 15:48
Località: Cagliari

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi pastrana il 19 Gen 2013 12:16

Grazie per le dritte. Vedrò se sarà il caso di metterci mano, ci penso un po su e nel caso vi aggiorno :thankyou:
pastrana
Attività
Attività
 
Messaggi: 44
Iscritto: 07 Mar 2011 17:27
Località: Scanno (AQ)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi Dino il 19 Gen 2013 13:15

La parte più difficile è estrarre il perno di rotazione senza rovinare il collare e soprattutto il corno sottostante. Prova a spianare la testa del perno e foralo perfettamente al centro con una punta sottile 1,5 poi 2 e poi 2,5 senza andare molto in profondità . Proteggi il collare col nastro da carrozziere e con una piccola lima fai la punta al perno. Ripeti l'operazione anche dalla parte opposta. Batti il perno prima da una parte e poi dall'altra. Quando inizia a sporgere lima ancora le due le punte finchè non esce. E' un po laborioso ma dovrebbe funzionale.
Se il corno è molto rovinato puliscilo con carta vetrata iniziando con una grana grossa 280 andando per gradi fino alla 1200 e poi lucida con pasta lucidante per corno, dovrebbe ritornare quasi nuovo.
procurade'e moderare barones sa tirannia chi si no pro vide mia torrades a pè in terra, declarada es già sa gherra contra de sa prepotenzia e cominza'sa pazienzia in su populu a mancare .(Francesco Ignazio Mannu 1794)

http://www.dinosanna.it
Avatar utente
Dino
Attività
Attività
 
Messaggi: 1125
Iscritto: 20 Mag 2008 17:36
Località: Luras (OT-Olbia-Tempio) Sardegna

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi MM il 19 Gen 2013 14:01

Discussione spostata in sezione apposita.
Ciao
Marco Mirri
Oggi non faccio niente! ... Anche ieri non ho fatto niente, ma non avevo finito. (Snoopy)
Avatar utente
MM
Attività
Attività
 
Messaggi: 7925
Iscritto: 05 Dic 2006 17:10
Località: Imola (BO)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi pastrana il 19 Gen 2013 14:13

Mi sembra una buona idea quella del perno Dino, ma sono un po titubante per quanto riguarda il manico. Non so se usare la cartavetrata sia una buona idea perchè ho paura di eliminare le decorazioni del collare e dei perni che reggono i due corni, anche loro decorati. Al massimoassiassimo se mi girano lo smonto tutto e lo uso come dima per fare quanlche coltello che ci assomigli. Altrimenti non saprei che farmene e tornerebbe in quel cassetto per altri 15 anni. :thankyou:
Chiedo scusa per aver sbagliato sezione :picchiatesta:
pastrana
Attività
Attività
 
Messaggi: 44
Iscritto: 07 Mar 2011 17:27
Località: Scanno (AQ)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi Dino il 19 Gen 2013 20:17

Per non eliminare la "pintadura" devi avvolgere il colare con nastro per carrozziere e levigare solo il corno. Visto che il coltello ha i suoi anni, sicuramente i ribadini saranno rientrati perchè il corno potrebbe essersi gonfiato, levigando con attenzione potresti salvare anche queste decorazioni, se ciò non fosse possibile pazienza ma avresti un bel manico quasi nuovo sempre che le guancette siano in corno e non in plastica, dalle foto è difficile valutarle.
Il tallone della lama è la parte che tocca nell'arco, usandolo come dima, ricalcandolo perfettamente, dovresti riuscire anche a riprodurre la lama originale.
procurade'e moderare barones sa tirannia chi si no pro vide mia torrades a pè in terra, declarada es già sa gherra contra de sa prepotenzia e cominza'sa pazienzia in su populu a mancare .(Francesco Ignazio Mannu 1794)

http://www.dinosanna.it
Avatar utente
Dino
Attività
Attività
 
Messaggi: 1125
Iscritto: 20 Mag 2008 17:36
Località: Luras (OT-Olbia-Tempio) Sardegna

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi MM il 20 Gen 2013 09:29

Ma non converrebbe lasciare il più possibile quell'aspetto vissuto, che non è nemmeno male (magari solo una pulita), e rifare la lama (in C70) dando anche lei un po' di patina?
Ciao
Marco Mirri
Oggi non faccio niente! ... Anche ieri non ho fatto niente, ma non avevo finito. (Snoopy)
Avatar utente
MM
Attività
Attività
 
Messaggi: 7925
Iscritto: 05 Dic 2006 17:10
Località: Imola (BO)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi LEO53 il 20 Gen 2013 10:08

Io sinceramente lo lascerei così.
E' un peccato perdere quella stampigliatura sulla lama, lo ripulirei solamente per benino e lo metterei una bella scatoletta con vetro.
Oppure mandalo a Vittorio Mura che ti rifaccia la lama, per me la soluzione ideale.
E' l'aratro che traccia il solco, ma è la spada che lo difende.
Avatar utente
LEO53
Attività
Attività
 
Messaggi: 1769
Iscritto: 29 Set 2011 11:12
Località: Valdengo e Mosso (Biella)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi davicom il 20 Gen 2013 10:42

LEO53 ha scritto:Io sinceramente lo lascerei così.

Oppure mandalo a Vittorio Mura che ti rifaccia la lama, per me la soluzione ideale.


Non credo che il buon Vittorio possa rifargli la lama , è passato a miglior vita da anni ormai, ci sono i figli, ma sostituire una lama a una pattadese equivale praticamente a rifarla, non vorrei spezzare il tuo entusiasmo, ma detto tra noi Mura era un buon artigiano nulla di più ( come tanti ci sono e ci sono stati in Sardegna) non certo un mostro sacro della coltelleria Sarda, e come ha evidenziato Dino il manico così fotografato sembra di plastica e non corno , alla luce di tutto questo credimi non vale la pena toccarla, segui i consigli di chi ti ha detto di ripulirla un po e metterla in una scatoletta con vetro. ;)
Avatar utente
davicom
Attività
Attività
 
Messaggi: 94
Iscritto: 04 Ago 2010 15:48
Località: Cagliari

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi pastrana il 20 Gen 2013 14:08

Valuterò bene la questione mentre faccio il mio primo chiudibile,e di tempo ne ho abbastanza perchè la vedo moooolto dura smash . Aggiornerò nel caso :thankyou: :hello:
pastrana
Attività
Attività
 
Messaggi: 44
Iscritto: 07 Mar 2011 17:27
Località: Scanno (AQ)

Re: Pattada V.Mura chiedo aiuto!

Messaggiodi LEO53 il 20 Gen 2013 21:13

Mah, per me sono tutti buoni artigiani, poi ci sono quelli che si sono creati un nome e altri che sono rimasti nell'anonimato.
Con ciò non vuole dire che facciano lame peggiori o meno curate.
Io a Pattada ci sono stato, è un paese bellissimo e ad ogni angolo c'è un artigiano, non voglio insegnare niente a nessuno men che meno a te che sei del posto, però io ho sempre rifiutato tutte le "firme", paghi il nome per un prodotto uguale ad un altro.
Io ho comprato una resolza di Stefano Bellu, e non mi pento affatto che non sia di Fogarizu, Pizzadili, Cadeddu, Deroma e via discorrendo.
Sono contentissimo e l'ho messa nella mia collezione di regionali.
Ribadisco, io la farei rifare dagli stessi discendenti di Vittorio, che forse avranno conservato il medesimo marchio, oppure lo limerei in modo da asportare le spaccature e lo conserverei così, d'altro canto se uno rovinava una lama, in tempi antichi, mica buttava via il coltello, lo aggiustava e continuava ad usarlo.
Ameno questo succedeva a casa mia.... Ed io continuo su questa tradizione, se trovo un coltello di mio nonno rovinato, lo aggiusto al meglio le tengo così.
E' l'aratro che traccia il solco, ma è la spada che lo difende.
Avatar utente
LEO53
Attività
Attività
 
Messaggi: 1769
Iscritto: 29 Set 2011 11:12
Località: Valdengo e Mosso (Biella)

Prossimo

Torna a Restauro

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessun iscritto e 2 ospiti