Trattamento subzero 440c

Tempra e rinvenimento

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi goxxer il 19 Ago 2018 22:13

non è il mio campo, ma secondo me stai facendo un ottimo lavoro! continua così! :clap: :clap:
le moto sono come le donne! bevono, fumano e sculettano!!!
Avatar utente
goxxer
Attività
Attività
 
Messaggi: 857
Iscritto: 31 Dic 2016 18:28
Località: pescara

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi gattomom il 25 Ago 2018 20:02

Vorrei ancora aggiungere che si potrebbe mettere il coltello nel freezer a -21 gradi centigradi per un paio d'ore. È sicuramente vero che non trasformo completamente l'austenite residua. Ma in parte la trasformazione avviene, e ciò è sicuramente meglio che rinvenire a bassa temperatura una lama in K110 temprata ad alta temperatura.
Purtroppo non so indicare le percentuali di trasformazione. Si può, però, effettuare una prova empirica per valutare la bontà del sotto raffreddamento a meno 21 gradi centigradi. Tale prova consiste nel misurare dopo la tempra la durezza del coltello, con le dovute cautele la prova di durezza va ripetuta dopo il sotto raffreddamento. Comparando la durezza prima e dopo, ottengo una indicazione della sua bontà. Per intenderci mi aspetto che la durezza aumenti di uno, due punti HRC.
gattomom
Attività
Attività
 
Messaggi: 46
Iscritto: 14 Apr 2017 18:59

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Cosimo de Febrari il 29 Ago 2018 08:14

bravo Gattomom, questo è lo spirito del forum! :clap: :clap: :clap:

l'idea dei compressori è ottima. Al momento l'alternativa che conosco è la CO2 degli estintori. Il tempo di permanenza non so se arriva a due ore, ma il coltellinaio che conosco e che usa questa tecnica ha visto delle notevoli differenze di prestazione del materiale.

Mia esperienza: ho dei Twin Pollux (Germania) da cucina, con trattamento criogenico. Sia il trinciante che gli altri coltelli più piccoli sono molto difficili da riaffilare (il materiale è molto tenace) ma hanno delle dentellature e in alcuni tratti il filo è proprio sbeccato, segno che il materiale è fragile.
Quindi credo che il trattamento criogenico modifichi in meglio alcune caratteristiche ma, come sempre, c'è anche l'altra faccia della medaglia.

C.
futu end ica usaho movi vit
Avatar utente
Cosimo de Febrari
Attività
Attività
 
Messaggi: 2234
Iscritto: 28 Ott 2009 17:28
Località: Colli Euganei (Padova)

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Shirojiro il 29 Ago 2018 19:39

Si può usare del polistirolo a celle chiuse, che è rigido, e incollarlo con poliuretano espandente (le bombolette)
Avatar utente
Shirojiro
Attività
Attività
 
Messaggi: 11791
Iscritto: 16 Giu 2009 10:09
Località: Baricella (Bo)

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Skayo il 02 Set 2018 13:05

Avevo pensato anche io alla co2, anche in forma solida ovvero ghiaccio secco.... Ma è comunque una cosa consumabile e quindi scomoda e costosa... Per quanto riguarda il polistirolo come isolamento non va bene secondo me, perché non è impermeabile e si bagnerebbe inevitabilmente con la condensa, come succede con la lana di roccia... Ancora non ho avuto tempo, quando riesco a fare altre prove vi aggiorno
Skayo
Attività
Attività
 
Messaggi: 33
Iscritto: 22 Nov 2017 20:10
Località: Forlí

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi MVR89 il 27 Gen 2019 08:46

Skayo ha scritto:Avevo pensato anche io alla co2, anche in forma solida ovvero ghiaccio secco.... Ma è comunque una cosa consumabile e quindi scomoda e costosa... Per quanto riguarda il polistirolo come isolamento non va bene secondo me, perché non è impermeabile e si bagnerebbe inevitabilmente con la condensa, come succede con la lana di roccia... Ancora non ho avuto tempo, quando riesco a fare altre prove vi aggiorno


ciao. sei piu riuscito a portare avanti il progetto? e molto interessante la cosa icon_biggrin
Marco Villella Rodio (villellaknives)
Avatar utente
MVR89
Attività
Attività
 
Messaggi: 411
Iscritto: 25 Set 2015 15:06
Località: cerveteri

Precedente

Torna a Trattamenti termici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessun iscritto e 1 ospite