passivazione metalli

Tempra e rinvenimento

Re: passivazione metalli

Messaggiodi GinTao il 23 Ott 2020 22:28

non ho capito come siamo passati dalle tecniche di passivazione eusa_doh eusa_doh ....alle fogne!
L'inferno esiste solo per chi ne ha paura...(F. De André)
Avatar utente
GinTao
Attività
Attività
 
Messaggi: 1022
Iscritto: 13 Feb 2014 23:40
Località: Falzé di Piave (TV)

Re: passivazione metalli

Messaggiodi ziociccio il 24 Ott 2020 06:47

infatti eusa_doh eusa_doh eusa_doh
:hello:
Claudio

Coraggio, il meglio è passato
Ennio Flaiano
Avatar utente
ziociccio
Attività
Attività
 
Messaggi: 2515
Iscritto: 31 Ago 2013 12:03
Località: Provincia di Avellino

Re: passivazione metalli

Messaggiodi u quatraru il 24 Ott 2020 09:08

praticamente , i fabbri erano pure maniscalchi, pertanto la legenda vuole che mentre forgiavano una lama, nella bottega del fabbro maniscalco, fuori c'erano dei cavalli in attesa di essere ferrati, chiaramente i cavalli non vanno in bagno, hanno urinato e creato una pozzanghera, la lama mentre stava per essere forgiata , è finita accidentalmente nell'urina. si sono accorti che temprare la lama nell'urina la rendeva piu tenace.

https://www.tradizioniassociate.com/it/ ... -si-usa-n9

""ggi noto e scientificamente chiaro il suo meccanismo di funzionamento, si usa comunemente la nitrurazione degli acciai per ottenere un loro indurimento superficiale.
Il procedimento consiste nel portare l'acciaio a 520-540 °C circa (il tempo di trattamento è quindi lungo) per introdurvi azoto atomico, ricavato dalla dissociazione termica dell'ammonica (o dalla difusione in bagni di sali), il quale viene assorbito dalla ferrite superficiale del metallo e forma nitruri, molto duri. Lo spessore dello strato indurito è ell'ordine di uno/due decimi di millimetro.
I vantaggi maggiori che se ne ricavano sono:
durezza superficiale e resistenza all'usura;
stabilità al rinvenimento e quindi durezza a caldo;
resistenza alla fatica e agli intagli;
resistenza alla corrosione;
stabilità dimensionale.
La nitrurazione non è utilizzata per la produzione delle lame di coltelli da tavola, da cucina e da tasca, sia per l'elevato costo del processo, che soprattutto per la inevitabile perdita dell'effetto di indurimento superficiale in occasione della prima affilatura che asporterà ben più dei due decimi di spessore indurito con la nitrurazione.
Detto ciò vale la pena ricordare che in epoche lontane almeno di 100 anni si diceva che per avere una buona lama era necessario effettuare la tempra "raffreddandola in urina di Vescovo".
Che sia leggenda o realtà non si può non osservare che l'urina è ricca di amoniaca e che quindi scaldandola con un ferro rovente (durante il raffreddamento della lama) avrebbe ceduto azoto atomico che si sarebbe potuto legare con la ferrite del metallo con cui era fatta la lama, purché il pezzo rimanesse immerso un tempo sufficientemente lungo per consentire al processo di avvenire.
Ma perchè del Vescovo? Non era certo l'importante carica ecclesiastica a conferire miglior qualità all'urina del Vescovo, ma sicuramente la sua più ricca alimentazione rispetto a quella della gente comune, conferiva al risultato della sua minzione un alto contenuto di amoniaca e sali.
Le lame così ottenute avrebbero davvero potuto apparire, almeno fino alla prima affilatura, di maggior qualità e durata del taglio."
A du malu zzappaturi, nci manca u marruggiu.
u quatraru
Attività
Attività
 
Messaggi: 594
Iscritto: 14 Nov 2013 13:26

Precedente

Torna a Trattamenti termici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessun iscritto e 2 ospiti