Nuovo metodo di spegnimento

Tempra e rinvenimento

Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi afreccia il 25 Nov 2016 10:23

Salve gente, volevo discutere insieme a voi di un metodo, ancora da provare che mi è venuto in mente. ho temprato diverse lame, e quelle in acqua hanno sempre cliccato, ma sono uscite molto più dure di quando ho spento in olio. Stavo pensando ad un compromesso,riempire il recipiente di olio e di acqua, i liquidi non si mischiano, l'olio sta sopra e l'acqua sotto. Quando il pezzo entra velocemente nel bagno incontra prima l'olio e subisce uno spegnimento più dolce, dopo qualche istante trova l'acqua che lo raffredda quando si trova ai un range di temperatura minore. Questo a mio avviso potrebbe creare o un pezzo dolce e criccato, o uno più duro e non criccato. Qualcuno ha già provato?
afreccia
Attività
Attività
 
Messaggi: 69
Iscritto: 16 Lug 2016 12:14
Località: Tropea

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi Shoto il 25 Nov 2016 22:25

Non mi pare una buona idea:il rischio di ustionarsi è alto. Hai presente cosa fa qualche goccia d'acqua in una padella dove c'è olio bollente? Immagina cosa succede immergendo qualcosa che è a 1000 °C circa .....
Avatar utente
Shoto
Attività
Attività
 
Messaggi: 61
Iscritto: 23 Gen 2014 17:46

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi GinTao il 25 Nov 2016 23:02

Credo che la cosa migliore da fare sia seguire le indicazioni dei produttori, a seconda della tipologia di acciaio che usi spegni in acqua o olio come raccomandato e difficilmente avrai brutte sorprese :hello:
L'inferno esiste solo per chi ne ha paura...(F. De André)
Avatar utente
GinTao
Attività
Attività
 
Messaggi: 663
Iscritto: 13 Feb 2014 23:40
Località: Falzé di Piave (TV)

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi Elia Stefano il 04 Gen 2017 21:07

M'era venuta anche a me st'idea...effettivamente credo sia venuta a un sacco di gente e se nessuno la utilizza un motivo ci sarà.
Ad ogni modo, se ci vuoi provare, ti direi di prepararti due recipienti distinti così da aver maggior controllo sulla tempra e lo immergi prima in uno poi nell'altro.
Però non credo che troverai un compromesso soddisfacente.

P.S. molto probabilmente ne so meno di te e del 99% della gente che bazzica su questo forum, quindi è probabile che stia sparando cazzate
Avatar utente
Elia Stefano
Attività
Attività
 
Messaggi: 291
Iscritto: 21 Dic 2016 22:38
Località: Sanremo(IM)

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi Cosimo de Febrari il 05 Gen 2017 09:24

L'idea era venuta anche a me e proverò prossimamente.
Dal momento che procedo già immergendo la lama in olio e, cambiando recipiente, in acqua,
credo che annullare anche quel secondo di aria fra un recipiente e l'altro faccia solo che bene al TT.

Sui rischi di cricca direi che non ce ne sono poi tanti, basta lasciare la lama in olio per 2 secondi,
il tempo che sparisca il rossore, e poi spingerla verso l'acqua.

Sui rischi per la sicurezza è giusto porsi la questione: credo però che l'analogia con la padella di olio bollente non sia corretta.
L'olio non è in ebollizione e i vapori d'acqua che si formano e che risalgono sono pochi per creare problemi alla massa d'olio tiepido che li sovrasta. Poi tutto sta nelle masse in gioco: forse una lama di 700 grammi a 900 gradi qualche problema lo può dare. Quindi io userò occhiali e tutto il resto, per non sapere né leggere né scrivere.

C.
futu end ica usaho movi vit
Avatar utente
Cosimo de Febrari
Attività
Attività
 
Messaggi: 2210
Iscritto: 28 Ott 2009 17:28
Località: Colli Euganei (Padova)

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi Renzo il 05 Gen 2017 18:50

le brutte sorprese le ho avute sempre in acqua,con l'olio sono andato sempre liscio;l'unica volta che ho dovuto temprare in acqua perchè l'olio gli faceva il solletico è stato quando ho usato acciaio al boro,ma i vari c40...70 e ciò che ci sta nel mezzo sempre olio.poi in effetti olio e acqua a certe temperature mi fanno un pò paura;ci sono comunque processi di tempra in cui si spegne prima in un liquido particolare che non credo sia olio,e subito in acqua.
non esistono errori,esistono solo informazioni.
Avatar utente
Renzo
Attività
Attività
 
Messaggi: 133
Iscritto: 25 Set 2011 13:51
Località: marano vicentino

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi afreccia il 09 Gen 2017 16:36

Io purtroppo ho avuto poco tempo, e non ho provato il metodo, che sarebbe da provare sistematicamente, si tempra due barrette dello stesso metallo una in olio e una cin questo metodo, e si potrebbe vedere quale delle due riga l'altra. Per quanto riguarda l'effetto padella, non dovrebbe avvenire, in ogni caso si fa all'aperto e con le giuste precauzioni. Comunque dopo sti esami finisco sto pezzo e faccio la prova, se funziona lo tempro così! se qualcuno fa la prova prima mi faccia sapere! :)
afreccia
Attività
Attività
 
Messaggi: 69
Iscritto: 16 Lug 2016 12:14
Località: Tropea

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi paitnicola il 09 Gen 2017 17:16

le prime lame le ho fatte in C70 e per la tempra mi sono fatto aiutare da un mio conoscente fabbro, riscaldamento in forgia a gas e lui spegneva in acqua e olio.... diceva che la via di mezzo è sempre quella da preferire (in effetti i datasheet danno spegnimenti in acqua,olio etc...). A parer mio però l'acqua ha un potere calorifico talmente alto che la lama subisce un abbassamento troppo drastico di temperatura, due lame mi sono spezzate!! e non dico con una cricca ma proprio spezzate ( viewtopic.php?f=5&t=17259 ) . Ti riporto solo una mia personale opinione/esperienza e prove di laboratorio non ne ho fatte fare se non quella di durezza su una lama.
Ciao nicola
Avatar utente
paitnicola
Attività
Attività
 
Messaggi: 515
Iscritto: 22 Gen 2015 09:54
Località: Pergine Valsugana

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi afreccia il 09 Gen 2017 20:01

La miseriaccia! solo a temprarlo ha crepato così? bhe nonostante la drasticità del singolo risultato, se un fabbro usa sto metodo un qualcosa di positivo ci sarà, quantomeno un test lo merita. Hai fatto altre prove o hai smesso di temprare così?
afreccia
Attività
Attività
 
Messaggi: 69
Iscritto: 16 Lug 2016 12:14
Località: Tropea

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi paitnicola il 10 Gen 2017 08:34

smesso e mi sono fatto un mazzo a fare un forno icon_biggrin icon_biggrin icon_biggrin almeno così ho un numero che mi guida, non sto dicendo che con forgia non si possa fare; ma in questo caso ci vuole un esperienza di qualche anno :chinese_man: :chinese_man:
nicola
Avatar utente
paitnicola
Attività
Attività
 
Messaggi: 515
Iscritto: 22 Gen 2015 09:54
Località: Pergine Valsugana

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi afreccia il 12 Mar 2017 21:48

Salve colleghi forgiatori e non (sempre che io mi possa definire tale icon_rolleyes ) finalmente ho finito gli esami e sono prossimo alla laurea, quindi mi sono preso del tempo per i miei progetti. Ho provato il metodo di spegnimento, in acqua/olio e devo dire che i risultati sono stati grandiosi. Il pezzo non mostra nessuna cricca o stortura, ma cosa più importante è riuscito a scalfire il pezzo temprato in olio proveniente dallo stesso scalpello (ovviamente entrambi sono stati rinvenuti nello stesso forno, insieme). Il metodo almeno sta volta ha funzionato, se vi va provate, fatemi sapere se trovate differenze anche voi, io credo che d'ora in poi continuerò a spegnere con questa tipologia!

PS Spero di potervi postare il mio n2 di qui a breve!
afreccia
Attività
Attività
 
Messaggi: 69
Iscritto: 16 Lug 2016 12:14
Località: Tropea

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi akol il 25 Dic 2017 00:10

Nei testi classici di forgiatura si trova una soluzione per tempre intermedie tra quelle in olio e quelle in acqua, la salamoia, acqua satura di sale.
akol
Attività
Attività
 
Messaggi: 10
Iscritto: 07 Nov 2017 19:15
Località: Valtopina, Perugia, Umbria

Re: Nuovo metodo di spegnimento

Messaggiodi billy il 25 Dic 2017 10:58

secondo me il problema và guardato nel senso inverso:se grandi maestri giapponesi da millenni usano lo spegnimento in acqua,io ho fatto circa 35 lame tutte spente in acqua senza mai 1 cricca,e usando acciaio inox tralaltro che va temprato a temperatura di 1060°c, non vorrei che il problema sia nella temperatura !sia della lame che dell'acqua? che poi nel caso di quest'ultima come dell'olio nessuno vieta il preriscaldo... mentre la via di mezzo tra olio ed acqua è aria forzata ossia soffiare la lama con compressore dalla parte del bisello in direzione del taglio in + passate,cosi da ottenere 1 tempra differenziata della lama con miglioramenti notevoli della fragilità della stessa :hello:
billy
Attività
Attività
 
Messaggi: 369
Iscritto: 24 Feb 2016 00:39
Località: provincia viterbo


Torna a Trattamenti termici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessun iscritto e 5 ospiti