Temprare senza rinvenimento

Tempra e rinvenimento

Temprare senza rinvenimento

Messaggiodi lone Wolf il 26 Ott 2018 18:32

Salve a tutti
E' da un bel pò che non mi faccio sentire, causa svariati impegni che mi portano via un sacco di tempo. Ma nonostante tutto, il mio interesse per gli acciai non è diminuito.
Leggendo un documento sui svariati trattamenti termici che si effettuano sugli acciai, uno di questi ultimi mi ha particolarmente incuriosito; si tratta di un trattamento termico che consiste nel temprare senza rinvenire (tempra bainitica mi sembra di ricordare), ottenendo comunque una struttura con caratteristiche meccaniche di durezza e resilienza adatte alle lame di coltelli, spade e via dicendo.
Ecco...volevo solo sapere se qualcuno di voi è a conoscenza di questo metodo di tempra e se ha mai fatto qualche prova in merito.
Avatar utente
lone Wolf
Attività
Attività
 
Messaggi: 84
Iscritto: 30 Nov 2012 18:18
Località: Rovereto (TN)

Re: Temprare senza rinvenimento

Messaggiodi Manuel il 26 Ott 2018 18:58

Non ne ho mai sentito parlare...
Molto banalmente quello che so è che senza rinvenimento le lame Sono troppo dure e tendono a spezzarsi se sottoposte a grosse sollecitazioni come nelle spade.
Avatar utente
Manuel
Attività
Attività
 
Messaggi: 906
Iscritto: 07 Ott 2018 23:19
Località: Savona

Re: Temprare senza rinvenimento

Messaggiodi Shoto il 26 Ott 2018 21:19

Tempra senza rinvenimento = durezza e fragilità come il vetro
Avatar utente
Shoto
Attività
Attività
 
Messaggi: 65
Iscritto: 23 Gen 2014 17:46

Re: Temprare senza rinvenimento

Messaggiodi loneronin il 31 Ott 2018 10:04

io credo che si tratti di tempra e rinvenimento in un colpo solo: porti la lama all temperatura corretta, la "spegni" in acqua o olio, passi della cartavetro per togliere i residui carbonizzati e osservi il calore residuo che fa il rinvenimento, infine "spegni" del tutto bloccando il processo.
senza rinvenimento le lame si spezzano, a volte anche senza sollecitazioni.
don't tell me what I can't do
Avatar utente
loneronin
Attività
Attività
 
Messaggi: 622
Iscritto: 17 Mag 2008 21:20
Località: Torino

Re: Temprare senza rinvenimento

Messaggiodi Crono il 31 Ott 2018 22:09

Dovrebbe essere un trattamento che mira ad ottenere caratteristiche finali che sono una via di mezzo tra la bonifica e la tempra. Durezza medio alta e resilienza.

https://www.bodycote.com/it/servizi/tra ... bainitica/
Crono
Attività
Attività
 
Messaggi: 52
Iscritto: 28 Ott 2017 16:43
Località: Valle Camonica

Re: Temprare senza rinvenimento

Messaggiodi lone Wolf il 01 Nov 2018 09:28

Crono ha scritto:Dovrebbe essere un trattamento che mira ad ottenere caratteristiche finali che sono una via di mezzo tra la bonifica e la tempra. Durezza medio alta e resilienza.

https://www.bodycote.com/it/servizi/tra ... bainitica/


Esattamente.
Quel sito ( bodycote.com) l'avevo già visto; ma da qualche altra parte sul web avevo anche letto che questa struttura bainitica (quella inferiore, quella superiore da evitare assolutamente), è qualitativamente la migliore in assoluto per resistenza meccanica, resilienza, flessione ecc...soprattutto per quanto riguarda le lame.
Un altro particolare che avevo letto citava il fatto che questo genere di tempra è la più difficile e costosa da ottenere, perciò è poco utilizzata.

Praticamente consiste nel far raffreddare il pezzo in un mezzo temprante abbastanza drastico fino a farlo arrivare al di sopra della T Ms (martensite start), mantenerlo per un tot. di tempo a quella T e poi spegnerlo definitivamente facendolo arrivare a T ambiente. e tutto questo senza bisogno di rinvenire! Sarebbe il top!
:hello:
Avatar utente
lone Wolf
Attività
Attività
 
Messaggi: 84
Iscritto: 30 Nov 2012 18:18
Località: Rovereto (TN)

Re: Temprare senza rinvenimento

Messaggiodi Renzo il 01 Nov 2018 11:48

ciao a tutti questo tipo di tempra la provai tempo addietro,però la scartai subito per il fatto che dovevo portare l'olio a 200 gradi,e diveniva pericoloso (incendi e fumi pericolosi)al di là del pericolo non era affatto male per il fatto che potevi raddrizzare eventuali storture delle lame in tutta sicurezza poichè la lama era sempre in temperatura di 200 gradi,una volta raddrizzata la lama (generalmente sempre lame di spade)la mettevo sopra una tavola di legno e la lasciavo a temperatura ambiente,alla fine avevo ottenuto una lama non durissima ,ma con una elasticità considerevole!
non esistono errori,esistono solo informazioni.
Avatar utente
Renzo
Attività
Attività
 
Messaggi: 134
Iscritto: 25 Set 2011 13:51
Località: marano vicentino


Torna a Trattamenti termici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessun iscritto e 1 ospite