Trattamento subzero 440c

Tempra e rinvenimento

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi goxxer il 19 Ago 2018 22:13

non è il mio campo, ma secondo me stai facendo un ottimo lavoro! continua così! :clap: :clap:
le moto sono come le donne! bevono, fumano e sculettano!!!
Avatar utente
goxxer
Attività
Attività
 
Messaggi: 857
Iscritto: 31 Dic 2016 18:28
Località: pescara

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi gattomom il 25 Ago 2018 20:02

Vorrei ancora aggiungere che si potrebbe mettere il coltello nel freezer a -21 gradi centigradi per un paio d'ore. È sicuramente vero che non trasformo completamente l'austenite residua. Ma in parte la trasformazione avviene, e ciò è sicuramente meglio che rinvenire a bassa temperatura una lama in K110 temprata ad alta temperatura.
Purtroppo non so indicare le percentuali di trasformazione. Si può, però, effettuare una prova empirica per valutare la bontà del sotto raffreddamento a meno 21 gradi centigradi. Tale prova consiste nel misurare dopo la tempra la durezza del coltello, con le dovute cautele la prova di durezza va ripetuta dopo il sotto raffreddamento. Comparando la durezza prima e dopo, ottengo una indicazione della sua bontà. Per intenderci mi aspetto che la durezza aumenti di uno, due punti HRC.
gattomom
Attività
Attività
 
Messaggi: 46
Iscritto: 14 Apr 2017 18:59

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Cosimo de Febrari il 29 Ago 2018 08:14

bravo Gattomom, questo è lo spirito del forum! :clap: :clap: :clap:

l'idea dei compressori è ottima. Al momento l'alternativa che conosco è la CO2 degli estintori. Il tempo di permanenza non so se arriva a due ore, ma il coltellinaio che conosco e che usa questa tecnica ha visto delle notevoli differenze di prestazione del materiale.

Mia esperienza: ho dei Twin Pollux (Germania) da cucina, con trattamento criogenico. Sia il trinciante che gli altri coltelli più piccoli sono molto difficili da riaffilare (il materiale è molto tenace) ma hanno delle dentellature e in alcuni tratti il filo è proprio sbeccato, segno che il materiale è fragile.
Quindi credo che il trattamento criogenico modifichi in meglio alcune caratteristiche ma, come sempre, c'è anche l'altra faccia della medaglia.

C.
futu end ica usaho movi vit
Avatar utente
Cosimo de Febrari
Attività
Attività
 
Messaggi: 2329
Iscritto: 28 Ott 2009 17:28
Località: Colli Euganei (Padova)

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Shirojiro il 29 Ago 2018 19:39

Si può usare del polistirolo a celle chiuse, che è rigido, e incollarlo con poliuretano espandente (le bombolette)
Avatar utente
Shirojiro
Attività
Attività
 
Messaggi: 11910
Iscritto: 16 Giu 2009 10:09
Località: Baricella (Bo)

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Skayo il 02 Set 2018 13:05

Avevo pensato anche io alla co2, anche in forma solida ovvero ghiaccio secco.... Ma è comunque una cosa consumabile e quindi scomoda e costosa... Per quanto riguarda il polistirolo come isolamento non va bene secondo me, perché non è impermeabile e si bagnerebbe inevitabilmente con la condensa, come succede con la lana di roccia... Ancora non ho avuto tempo, quando riesco a fare altre prove vi aggiorno
Skayo
Attività
Attività
 
Messaggi: 40
Iscritto: 22 Nov 2017 20:10
Località: Forlí

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi MVR89 il 27 Gen 2019 08:46

Skayo ha scritto:Avevo pensato anche io alla co2, anche in forma solida ovvero ghiaccio secco.... Ma è comunque una cosa consumabile e quindi scomoda e costosa... Per quanto riguarda il polistirolo come isolamento non va bene secondo me, perché non è impermeabile e si bagnerebbe inevitabilmente con la condensa, come succede con la lana di roccia... Ancora non ho avuto tempo, quando riesco a fare altre prove vi aggiorno


ciao. sei piu riuscito a portare avanti il progetto? e molto interessante la cosa icon_biggrin
Marco Villella Rodio (villellaknives)
Avatar utente
MVR89
Attività
Attività
 
Messaggi: 447
Iscritto: 25 Set 2015 15:06
Località: cerveteri

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Skayo il 07 Mar 2019 17:37

MVR89 ha scritto:
Skayo ha scritto:Avevo pensato anche io alla co2, anche in forma solida ovvero ghiaccio secco.... Ma è comunque una cosa consumabile e quindi scomoda e costosa... Per quanto riguarda il polistirolo come isolamento non va bene secondo me, perché non è impermeabile e si bagnerebbe inevitabilmente con la condensa, come succede con la lana di roccia... Ancora non ho avuto tempo, quando riesco a fare altre prove vi aggiorno


ciao. sei piu riuscito a portare avanti il progetto? e molto interessante la cosa icon_biggrin


Ciao, si e no!
Non ho ancora apportato nessuna modifica alla macchina, quindi ancora si trova allo stadio di accrocchio.
Tuttavia è stata utilizzata abbastanza, ho fatto diverse prove tra cui ho trattato una decina di coltelli fatti da me, funziona ancora esattamente come il giorno che l'ho costruita dunque posso dire che gode di una buona affidabilità. Basta asciugare la condensa tra un utilizzo e l'altro.
Ho notato che questo inverno, quando la temperatura del mio laboratorio, luogo in cui alloggia la macchina, scendeva anche sotto i 10°c, riuscivo a raggiungere temperature ancora più basse (-82/-85).
Ho fatto anche esperimenti con delle billette di 3 diversi acciai. Con ma5mv e 440c non ho notato nessun miglioramento dato dal trattamento criogenico, né in termini di durezza né di tenacia,Sicuramente perché non ho i mezzi per misurare e rilevare piccole differenze di questi parametri. Invece ho notato un netto miglioramento della resistenza alla flessione del n690co. La prova che ho fatto è stata di comparazione, molto semplice. Temprato 4 quadrelli dei suddetti acciai 3mm *3mm nel caso Dell n690co. 2 con trattamento criogenico e 2 senza. Rinvenimento a bassa temperatura (120 gradil).poi li ho piazzati in morsa con degli spessori, in modo che serrando le ganasce venisse esercitata una forza di flessione distribuita equamente sui 4 quadrelli. I primi due a spezzarsi sono stati quelli senza trattamento criogenico.
Skayo
Attività
Attività
 
Messaggi: 40
Iscritto: 22 Nov 2017 20:10
Località: Forlí

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi MVR89 il 07 Mar 2019 23:06

sicuramente il sotto raffreddamento porta i suoi benefici all'acciaio il il tuo piccolo test ne e' la prova. spero' che riuscirai a portare avanti il progetto. mi piacerebbe avere la suddetta macchina in futuro icon_biggrin
Marco Villella Rodio (villellaknives)
Avatar utente
MVR89
Attività
Attività
 
Messaggi: 447
Iscritto: 25 Set 2015 15:06
Località: cerveteri

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi BladeS il 08 Mar 2019 11:58

Mi sarei preoccupato se fosse stato il contrario! :ok:

La temperatura che raggiungi è interessante e il trattamento è già molto efficace a quelle temperature, la cosa importante, è che questo succeda in rapida successione dopo la tempra ed il raggiungimento della temperatura ambiente, a -80°C avrai ridotto l'austenite residua del 90% anche in pochi minuti di permanenza ma comunque, da quanto ho appreso, per massimizzare gli effetti di un trattamento crio "artigianale"
sarebbe il caso di lasciarli almeno mezz'oretta i pezzi in sub zero...

Nei test fatti con ilFacci su niolox siamo arrivati a piegare una lama di 2,5mm al dorso fino a 180° prima che si spezzasse..

BRAVO! spocht_2

Stefano
Avatar utente
BladeS
Attività
Attività
 
Messaggi: 731
Iscritto: 02 Dic 2013 11:44
Località: Borso del Grappa (TV)

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Skayo il 08 Mar 2019 20:54

Grazie ragazzi!
Io comunque ho sempre acceso anticipatamente la macchina frigorifera in modo che quando inserivo l'acciaio da trattare, la cella si trovasse già alla temperatura più fredda possibile. Poi mantenevo a quella temperatura per 4 ore... Forse troppo?
Siccome altre persone sarebbero interessate ad una macchina simile, se c'è qualcuno nella mia zona che ha voglia di aiutarmi a costruirne un'altra fatta come si deve, sviluppando un progetto più preciso e ordinato, sarebbe fantastico! Io abito in provincia di Forlì, in Romagna.
Skayo
Attività
Attività
 
Messaggi: 40
Iscritto: 22 Nov 2017 20:10
Località: Forlí

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi MVR89 il 09 Mar 2019 07:34

se potevo ci venivo io con piacere ma purtroppo la distanza me lo impedisce. spero che cmq continuerai ad aggiornare il post :ok: :ok: :ok:
Marco Villella Rodio (villellaknives)
Avatar utente
MVR89
Attività
Attività
 
Messaggi: 447
Iscritto: 25 Set 2015 15:06
Località: cerveteri

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Skayo il 10 Mag 2019 19:00

Aggiorno la situazione, ho acquistato da un simpatico vecchietto in pensione un durometro da banco alla modica cifra di 70 euro. Praticamente al prezzo del ferro visto che pesa 80 kg! Dunque a breve farò un test dove misurero' la durezza post tempra e post trattamento con freddo... In modo da avere un riscontro più scientifico.
Skayo
Attività
Attività
 
Messaggi: 40
Iscritto: 22 Nov 2017 20:10
Località: Forlí

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi MVR89 il 11 Mag 2019 06:12

complimenti per l'acquisto. in pratica te lo ha regalato. aggiornaci :birra:
Marco Villella Rodio (villellaknives)
Avatar utente
MVR89
Attività
Attività
 
Messaggi: 447
Iscritto: 25 Set 2015 15:06
Località: cerveteri

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Skayo il 29 Mag 2019 19:26

Ho iniziato a fare alcune prove, e mi sono reso conto di un aspetto importante... Negli acciai inossidabili e semi-inossidabilita la durezza post tempra è generalmente più bassa rispetto a quella che poi raggiunge il suddetto acciaio con un rinvenimento a bassa temperatura (ovviamente questo è un discorso molto generale, e i valori di temperatura in questione, dipendono dal tipo di acciaio in questione..) però questo fenomeno non succede esempio con il carbonioso c70...invece in acciai come il nitro b e ma5mv è molto presente dove un rinvenimento a 150 gradi fa spostare l'ago del durometro in su anche di 3/4 Hrc. Per ora non do' valori assoluti perché non ho la certezza che il mio durometro sia tarato correttamente, sto aspettando i blocchi di durezza certificata per verificarlo... Non vorrei fare disinformazione! Tornando al succo del topic, vorrei capire, a fronte di quanto detto sopra, se è piu corretto paragonare la durezza dei provini con e senza trattamento con freddo, includendo poi anche il rinvenimento o meno.
Skayo
Attività
Attività
 
Messaggi: 40
Iscritto: 22 Nov 2017 20:10
Località: Forlí

Re: Trattamento subzero 440c

Messaggiodi Shirojiro il 30 Mag 2019 06:43

Leggendo questa conversazione mi sento veramente dispiaciuto di essere nel caos di un trasloco.
Mi sarebbe davvero interessato darti una mano a costruire un paio di "macchinette".
Non ho visto il filmato, ma sono attratto come una falena con la luce dallo sperimentare e conoscere cose nuove.
Posto e materiale ci sarebbero, ma solo una volta sistemato tutto e purtroppo si parlerà solo di fine anno.
Davvero un peccato se pensi che il ferro ed altro lo vengo a prendere a Forlìda almeno 35 anni !

Shirojiro :hello:
Avatar utente
Shirojiro
Attività
Attività
 
Messaggi: 11910
Iscritto: 16 Giu 2009 10:09
Località: Baricella (Bo)

PrecedenteProssimo

Torna a Trattamenti termici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessun iscritto e 0 ospiti